Un problema... colorato!

 

Il problema fu posto, nel 1852, da Francis Guthrie, un giovane matematico e botanico sudafricano. Egli stava cercando di colorare, su una carta dell’Inghilterra, le diverse contee, e voleva fare in modo che due contee confinanti non avessero lo stesso colore. Guthrie si rese conto che gli bastavano quattro colori e dopo aver fatto qualche esperimento si convinse che dovesse essere vero per qualsiasi carta.
Il giovane matematico si chiese se questa affermazione fosse già un teorema matematico, interpellando diversi studiosi, tra i quali De Morgan e Hamilton.
Le risposte furono molto deludenti e si riuscì a dimostrare soltanto che “meno di quattro colori possono non bastare”.
Il problema irrisolto fu, per un periodo, messo da parte dalla comunità matematica, e ripreso nel 1878 da un allievo di De Morgan, Arthur Cayley. Egli lo menzionò nel corso di una sua lezione, ma anche in questo caso non fu trovata nessuna soluzione.
Molti furono i matematici che provarono a dimostrarlo, ma ogni tentativo risultò non preciso.
Questo enigma, anche se riguarda apparentemente le carte geografiche, non avuto applicazioni concrete in cartografia. L’interesse del problema, però, diede spunti ad una nuova branca della matematica che stava nascendo in quel periodo: la topologia.

Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Copyright 2020 S. Lattes & C. Editori S.p.A.
Privacy Policy | Cookie Policy