Benvenuto nel Mathbox!
Il nuovo portale di Matematica dedicato alla Scuola Secondaria di Primo Grado

facebook-logo.png facebook-logo.png email-icon-lattes.pngphone-icon-lattes.pnglogo lattes

Le equazioni di secondo grado e i babilonesi

 

Le prime descrizioni di tecniche utili per risolvere equazioni di secondo grado possono essere ritrovate, come accade per le equazioni di primo grado, negli scritti dei popoli più antichi. Per esempio, analizzando alcune Tavolette Babilonesi conservate al “British Museum” di Londra, si può vedere come la risposta a domande “algebriche” sia costruita usando quelli che potremmo chiamare “prototipi” delle nostre formule risolutive delle equazioni di secondo grado. È ciò che facciamo qui di seguito a partire dal problema contenuto nella Tavoletta BM 13901:1* che chiede di determinare un numero tale che, sommandolo al suo quadrato, si ottenga img14

img15

Ecco che cosa scrive lo scriba babilonese:

La superficie (e il lato) del quadrato ho sommato e fa 3/4.Prendi il coefficiente 1 [numero dei lati considerato]. Prendi la metà di 1. Tu hai 1/2. Moltiplica (1/2) con 1/2 (fa 1/4). Congiungi 1/4 con 3/4 e (fa) 1 che ha 1 come radice quadrata. 1/2, che tu hai moltiplicato per se stesso, sottrai da 1 e (fa) 1/2 (che) è il (lato del) quadrato.

Le operazioni indicate dallo scriba sono proprio quelle che noi oggi utilizziamo nella formula risolutiva per l'equazione img16

che conduce a img17.

Anche se c'è una perfetta corrispondenza con la nostra formula, è da sottolineare come i Babilonesi non l'avessero a disposizione; anzi è più probabile che, per la risoluzione di questo tipo di equazioni, essi seguissero un metodo geometrico legato alla formazione di un quadrato.Si può notare però che se si dà un significato prettamente geometrico anche al problema oltre che alla risoluzione, ci si trova nell’assurda condizione di sommare una superficie a un segmento, cosa che certo non siamo disposti ad accettare senza ricorrere a qualche giustificazione, del genere
“intendiamo segmenti con spessore”. Nel caso che stiamo analizzando, la somma indicata nel testo deve intendersi quella tra un quadrato img18e un rettangolo avente una dimensione img19 uguale al lato del quadrato stesso e l'altra uguale a tante unità quante sono i lati da sommare, cioè uguale a uno.

Per descrivere la costruzione geometrica ipotizzata, seguiamo quanto è suggerito da Jens Hoyrup nel suo Babylonian mathematics1.
Indicato con s il lato del quadrato incognito ABCD, gli si aggiunga accanto il rettangolo (ABFE) di dimensioni 1 e s. Secondo le indicazioni date nel problema, l'intero rettangolo EFDC di misura ( img20 ) deve misurare img21 (Fig.1).

img23

Si dividano ora a metà il segmento AE, lungo 1, per mezzo del punto G e il rettangolo EFBA mediante il segmento GH (Fig. 2). Si trasporti tale rettangolo in modo che GH vada a coincidere con BC come in Fig. 3. Per completare il quadrato basterà aggiungere alla figura esagonal ottenuta, il quadrato di lato img24. Tale quadrato ha area img25e il quadrato GIFD ottenuto, avrà area img26 (Fig.4). Quindi, la radice quadrata di questo numero, misura del segmento GD, è 1 e si ha img27.

img28

 

 

Come si può osservare, si sono eseguite tutte le operazioni indicate dal testo della tavoletta. 


 1 Jens Hoyrup, Babylonian mathematics, in Companion Encyclopedia of the History and Philosophy of the Mathematical Sciences, vol. I, Grattan-Guinnes, London, New York, 1999

 

 

Scopri la Casa Editrice

lattes bottom

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.

L'Autore

matteo

Matteo Molinari è docente di Matematica dal 2009 nelle Scuole Secondarie di Primo Grado di Roma e del Lazio. Ha svolto e svolge attività di ricerca e formazione in relazione alla didattica della Matematica con particolare attenzione alle nuove tecnologie. Ha collaborato alla stesura di diversi libri di testo per l’editoria scolastica. E’ autore di diversi articoli sulla storia della Matematica pubblicati sul portale online di divulgazione scientifica www.xlatangente.it.