Benvenuto nel Mathbox!
Il nuovo portale di Matematica dedicato alla Scuola Secondaria di Primo Grado

facebook-logo.pngemail-icon-lattes.pngphone-icon-lattes.pnglogo lattes

Curiosità matematiche

 

Un miglio marino

Perché si utilizza il miglio marino (1852 m) per le lunghezze in mare?
E’ stata scelta questa unità di misura per il fatto che equivale alla lunghezza dell’arco di circonferenza massima, equatore o meridiano sulla sfera terrestre, sotteso da un angolo al centro della Terra di ampiezza pari a 1 primo = 1/60 di grado.

 

Misura della velocità in nodi

L’unità di misura della velocità usata ancora oggi in ambito aeronautico è il nodo, il quale è definito come un miglio nautico internazionale, circa 2 chilometri all’ora.
Ma perché proprio il termine nodo?
Per misurare la velocità di una nave, veniva lanciata in mare da poppa una cordicella cui era legato un travetto di legno con funzione di galleggiante; lungo la corda erano stati fatti alcuni nodi a cadenza costante di 50 piedi e 2,5 pollici ( 15, 433 m). Il calcolo della velocità veniva effettuato da due marinai: uno doveva lanciare la cordicella e contare quanti nodi attraversavano le sue dita, mentre un altro teneva il tempo usando una clessidra da 30 secondi. Dato che 15,433 m sono 1/120 di miglio marino, mentre 30 secondi sono 1/120 di ora, il conteggio dei nodi passati tra le dita del marinaio in 30 secondi corrispondeva alla velocità della nave.

 

La traversata dell’Atlantico

Una società di navigazione gestisce un collegamento giornaliero tra Genova e New York. Ogni mattina alle 12 in punto parte una nave da Genova in direzione di New York, 7 giorni dopo, di nuovo alle 12 in punto, la nave approda al porto della Grande Mela. Tutto questo accade anche nella direzione opposta da New York a Genova, con una nave che necessita ugualmente di 7 giorni per attraversare l’oceano e che arriva sulla costa ligure alle 12.
Tutti gli orari si riferiscono all’ora locale di Genova.
Quante navi di questa compagnia si incontrano durante una traversata da Genova a New York?

Scopri la Casa Editrice

lattes bottom

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.

L'Autore

matteo

Matteo Molinari è docente di Matematica dal 2009 nelle Scuole Secondarie di Primo Grado di Roma e del Lazio. Ha svolto e svolge attività di ricerca e formazione in relazione alla didattica della Matematica con particolare attenzione alle nuove tecnologie. Ha collaborato alla stesura di diversi libri di testo per l’editoria scolastica. E’ autore di diversi articoli sulla storia della Matematica pubblicati sul portale online di divulgazione scientifica www.xlatangente.it.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più